È il momento di dire la verità ai sammarinesi

È il momento di dire la verità ai sammarinesi

News
Senza entrare nel merito delle comunicazioni “segrete” del Segretario di Stato per le Finanze in Commissione Finanze, intendiamo di nuovo e con forza porre l’accento sulla forte preoccupazione circa i conti pubblici, la liquidità e le prospettive economiche del Paese.

Questo è davvero il momento di farla finita con i teatrini della politica, di dirsi la verità e soprattutto di dirla a tutti i sammarinesi, prospettando soluzioni concrete.

L’estrema gravità della situazione lo impone.
Purtroppo quello che pare di cogliere è un netto scollamento, tra il Palazzo ed i suoi segreti da un lato, e i reali bisogni del Paese dall’altro.
Qualche giorno fa è scaduto il bando per gli investimenti in territorio secondo il quale un buon samaritano avrebbe dovuto depositare 50 milioni di euro per concorrere a costruire delle infrastrutture.
Dal silenzio ci pare di capire che il buon samaritano non si sia manifestato, come ampiamente prevedibile, ed i piani del governo sono fermi al palo.
Si assiste a stramberie come la consulenza per finanziare la costruzione del nuovo ospedale affidata fra l’altro a una vecchia conoscenza nota per gli agganci con la politica italiana e sammarinse della prima Repubblica; un ritorno anche qui all’ormai classico “stavamo bene”.

Circa il bilancio dello Stato, non è ancora dato sapere come sarà la manovra 2021.

  • Se saranno imposte nuove tasse – come faceva presagire un comunicato di Rete,
  • come sarà ristrutturato il debito pubblico,
  • se San Marino farà domanda di assistenza al Fondo Monetario Internazionale.

Tutto segreto, o perlomeno non noto, mentre si fanno sempre più insistenti le voci circa il fatto che nessun investitore istituzionale presente su quei “mercati” a cui il Governo si voleva rivolgere sarebbe intenzionato a investire un euro su San Marino, se non a tassi esagerati: cosa che avevamo ampiamente previsto, inascoltati.

Intanto in Repubblica preferiamo fare la gara fra chi ha mandato via prima Moretti o Mazzeo, dimenticando che BCSM – quella della Tomasetti – ha fatto anche i complimenti a Mazzeo chiedendogli di gestire i rapporti con il FMI alla fine dell’estate 2018.

Per il resto è il nulla.

Nulla su un piano economico post COVID, nulla sul futuro delle banche, nulla sulla pubblica amministrazione, nulla su come il governo vuole disegnare il futuro.

Mancano 4 anni alle prossime elezioni e se il trend è questo non sappiano come arriveremo al 2024.
Forse Pedini terrà accese le luminarie tutto l’anno e proclamerà il diritto allo Spritz di Stato con bar aperti h24.
A volte è meglio non pensarci, poi tanto è sempre colpa degli altri e con qualche sorriso e pacca sulle spalle si risolve tutto.

Siamo preoccupati del silenzio, di come passo dopo passo il paese si stia avvicinando al baratro o a qualche investitore arabo molto vicino al governo.

Chiediamo trasparenza verso scelte del governo che condizioneranno le prossime generazioni.
Va bene la consegna del silenzio ma riteniamo che per etica e lealtà il governo dovrebbe parlare con sincerità al Paese.
Le difficoltà sono di tutti e solo insieme è possibile trovare una soluzione.
Articolo precedente
Questo scempio si poteva evitare?

Menu