Le nostre proposte sullo sviluppo

Le nostre proposte sullo sviluppo

Comunicati Stampa, News

Repubblica Futura ha cercato, pur da posizione di opposizione, di proporre all’interno della legge di bilancio una serie di norme per consentire di favorire la crescita economicae la nascita di nuove imprese, stimolando investimenti pubblici e privati in ambiti rilevanti.

Uso saggio del debito? Questo sconosciuto

Abbiamo chiesto in prima battuta che i 150 milioni che il Governo prenderà a debito fossero destinati a politiche di crescita: il famoso “debito buono”, capace di generare un ritorno economico maggiore del suo costo. Il Governo invece ha, purtroppo, deciso di destinarli alla spesa corrente, oramai insostenibile, anziché mettere in campo le necessarie riforme per ridurre il disavanzo, ed ha destinato solo 4 milioni di euro alle politiche di sviluppo.

Tutto il resto coprirà i disavanzi dei prossimi anni, nient’altro.

Se a questo sommiamo il fatto che i 340 milioni dell’emissione obbligazionaria dell’anno passato sono già finiti (dopo essere stati usati per coprire gli ultimi 2 anni di buchi di bilancio, a rimborsare 94 milioni a Carisp e 55 a Banca Centrale), capiamo che futuro ci stanno prospettando questi Segretari di Stato sprovveduti che stanno solo facendo debiti lasciando le macerie a chi verrà dopo.

La nostra visione è stata radicalmente diversa.

Politiche per le piccole e medie imprese

Abbiamo anzitutto chiesto di destinare risorse ad un pacchetto per le piccole e medie imprese, per ridurre i principali costi che si trovano ad affrontare in fase di avvio e continuazione (affitto, onorari dei professionisti, minimi contributivi, gestione separata Iss), eccessivi rispetto ai competitor e che ci lasciano indietro nelle principali classifiche internazionali. Accanto a ciò, abbiamo evidenziato la necessità di regolamentare le nuove “imprese on line”, svolte tramite il web, i social network, ecc. da persone già occupate senza carattere di continuità, con forme semplificate a livello normativo e che siano a costo zero.

Rilancio del commercio e dei servizi

Abbiamo richiesto un intervento di incentivazione dei consumi interni, da una parte sul fronte della domanda (aumentando la quota di deducibilità fiscale delle spese effettuate in territorio e “restituzione” di una quota di quanto speso in termini di minori tasse) e dall’altra sul fronte dell’offerta (riduzione al 15% della monofase per il 2022 e l’eliminazione dell’imposta sui servizi). Inoltre, abbiamo richiesto una rimodulazione del “voucher vacanza”, prevedendo che chi resterà almeno 2 notti a San Marino abbia un “bonus” da spendere in attività economiche sammarinesi. È necessario fare ripartire commercio e servizi, oltre al turismo, settori che in molti ambiti ancora faticano a uscire dalla pandemia.

Politiche strutturali per stimolare occupazione e investimenti

Sul fronte degli interventi strutturali a medio-lungo termine, abbiamo richiesto:

a) la riduzione del cuneo fiscale a carico delle imprese sull’assunzione di sammarinesi e residenti;
b) incentivi per i processi di trasformazione digitale nelle imprese e per l’accesso alla banda larga nelle famiglie;
c) un “pacchetto crescita” per le imprese per il 2022-2023-2024, fondato sull’azzeramento di tutte le imposte dovute sugli investimenti delle attività economiche per la loro crescita/ampliamento o per l’acquisto di impianti e attrezzature;  su un superammortamento pari al 30% del costo dei beni strumentali materiali nuovi acquisiti nel corso dei 3 periodi d’imposta (con alcune esclusioni); sullo sgravio contributivo per le aziende sulle nuove assunzioni di lavoratori iscritti alle liste di avviamento al lavoro in quei 3 anni; sull’ottenimento di un credito d’imposta pari al 40% dei costi per la formazione del personale;
d) una estensione della possibilità accesso al part-time imprenditoriale anche per i dipendenti pubblici e per chi ha una licenza attiva, disciplinandone le condizioni e i requisiti;
e) un “pacchetto formazione”, basato su una revisione della legge sul diritto allo studio (mirato a incentivare maggiormente lo svolgimento di corsi di studio in linea con le richieste del mercato del lavoro) e sulla formazione continua sui luoghi di lavoro (specie nel campo dell’informatizzazione, digitalizzazione e sulle competenze linguistiche) anche con alternanza formazione-lavoro.

Quest’ultimo sul “pacchetto formazione” è stato l’unico emendamento accolto, grazie alla disponibilità del Segretario Belluzzi, che ringraziamo.

Governo palesemente inadeguato

Su tutto il resto, nulla. Nessuna visione, solo la necessità di trovare soldi a debito per mantenere la spesa corrente insostenibile.

Di fronte all’inadeguatezza palese di Gatti e di tutto il Governo ad affrontare i nodi decisivi per il futuro del Paese e la sostenibilità del bilancio, non possiamo fare altro che far presente la nostra grande preoccupazione e chiedere una discontinuità forte, di uomini e di politiche.

Menu